Frantoio – sancomaio

Frantoio


Dagli oliveti il raccolto della giornata


viene trasportato al frantoio aziendale all'interno di contenitori in plastica arieggiati, in modo da evitare l'inizio di fermentazioni, che causerebbero innalzamento dell'acidità e difetti organolettici nel prodotto finito.
Qui le olive vengono lavate, defogliate ed immediatamente molite a freddo, con un impianto a ciclo continuo tecnologicamente avanzato, ottenendo un olio dall'acidità bassissima, che conserva intatti i profumi e i sapori dell'oliva fresca.



La qualità dell’olio


è fortemente influenzata dalla tecnologia di lavorazione, la funzionalità di un impianto si misura anche e soprattutto nella sua flessibilità, nella capacità di andare incontro a quelle che sono le richieste del cliente ed i gusti del consumatore.
Gli attributi amaro e piccante sono connotazioni positive di un olio di pregio, bisogna però anche prendere atto che purtroppo non tutti i consumatori accettano di buon grado oli con queste caratteristiche.



Di qui l’importanza di un impianto flessibile,


una tecnologia che sia in grado di preservare maggiori quantità di polifenoli quando si vogliono ottenere oli robusti con note di amaro e piccante ben evidenti, ma che ci dia anche la possibilità di intervenire quando si vogliono attenuare tali caratteristiche ed ottenere oli più dolci e delicati, senza pregiudicare le rese d’estrazione.


L'olio così prodotto viene conservato


in contenitori di acciaio inox, a temperatura costante e in assenza di aria; solo nel caso in cui il cliente ne faccia richiesta, viene effettuata anche una filtrazione delicata, altrimenti ci si affida alla semplice decantazione naturale.
Il successivo confezionamento, per meglio conservare le caratteristiche del prodotto, avviene in piccoli lotti o al momento stesso dell'ordinazione.